Come trovare il punto G

Come trovare il punto G? Una zona che rimane un mistero per molti uomini e donne ma che se ben stimolata può inevitabilmente portare il piacere della donna e della coppia in un’altra dimensione.

Dal punto di vista storico molte volte si è fatto riferimento a un famoso punto del piacere o punto del Sole, individuato nella donna che oltre al clitoride era in grado di portare all’apice del piacere.

Il nome però si deve al ginecologo tedesco Ernest Gräfenberg a cui viene erroneamente attribuita la scoperta, che durante i suoi studi sulla stimolazione uretrale ne teorizzò l’esistenza senza mai però dimostrarla.

Vediamo quindi come trovare il punto G.

Che cos’è il punto G

Il punto G non è un vero e proprio organo a parte, bensì si tratta di quella che viene definita spugna uretrale ovvero il tessuto che ricopre l’uretra. Questo tessuto è in grado di gonfiarsi in certe condizioni di eccitazione e stimolazione.

Le risposte del punto G sono molto differenti da quelle del clitoride: nel primo si abbassa la cervice, nel secondo si gonfia l’apertura della vagina.

Molte donne riferiscono che l’orgasmo raggiunto è diverso e più profondo rispetto a quello che ottengono con la sola stimolazione del clitoride o la penetrazione.

Secondo alcune donne la stimolazione del punto G può provocare l’eiaculazione femminile.

Come trovare il punto G

Trovare il punto G è più semplice di quello che si pensa. Per provare a raggiungerlo può bastare infilare due dita e muoverle verso l’alto, ancora meglio affidarsi ad un vibratore per il punto G realizzato con angolatura, punta e inclinazione volte a scoprire questo punto magico.

La sua posizione varia in base all’anatomia della persona e spesso lo si riesce a trovare a 2/3 cm dall’entrata vaginale. In alcuni casi può essere più interno mentre in altri più esterno.

Utilizza le dita: vedrai che la superficie della parete interna verso il Monte di Venere non è liscia. Vi sono infatti delle protuberanze rugose che se accarezzate nella maniera giusta possono gonfiarsi e diventare turgide trasmettendo sensazioni intense e piacevoli.

Come trovare il punto G: come stimolarlo

Veniamo quindi alla parte più complessa e dibattuta: una volta compreso come trovare il punto G, come possiamo stimolarlo? I modi sono molteplici.

Innanzitutto puoi usare le dita e le mani. Inizia delicatamente a esplorare la zona fino a quando non individui la zona.

Chiaramente anche la penetrazione è un ottimo modo, anche se in questo caso per la buona riuscita è molto importante l’angolo con cui avviene e soprattutto la sensibilità della donna. Non tutti riescono a stimolare il punto G in questo modo.

Ecco quindi che subentrano i sex toys, i veri alleati del piacere femminile.

Negli ultimi anni sono stati lanciati diversi modelli che si sono focalizzati sul piacere femminile e in particolare sulla stimolazione del punto G.

Tra questi abbiamo i vibratori punto G, vibratori rabbit, e vibratori punto G e succhia clitoride.

Vieni a trovarci nella nostra nuova sede a Portunese e scopri i nostri sex toys che ti faranno vivere sensazioni incredibili.

Come trovare il punto g

Chiama il numero: 0688934929

E-mail: info@candysuxxx.it

Vieni a trovarci nella nostra sede del sexy shop Magliana

Dal lunedì al sabato 10.00- 20.00

Via dell’Impruneta 148/150 – 00146 Roma

Seguici sui nostri social

https://www.facebook.com/candysuxxx

https://www.instagram.com/sexyshopmagliana/